Bicentenario della diocesi di Caltagirone

Suora (Vincenzo Forgia)
Suora (Vincenzo Forgia)

CALTAGIRONE – Il grande successo di pubblico ha decretato la 3^ edizione della Mostra del Fischietto organizzata dall’associazione culturale “Terra Erea” in collaborazione con i Musei civici e il patrocinio del Comune di Caltagirone ed ospitata presso Palazzo Libertini di San Marco.

La mostra “Fischiettando tra il Giubileo e il Bicentenario della Diocesi di Caltagirone” ha registrato la presenza di migliaia di visitatori provenienti non solo dalla Sicilia, ma dall’Italia e anche dall’estero, come Albania, Francia, Germania, Gran Bretagna e Israele, oltre agli studenti di diverse scuole elementari.

Numerosi i maestri ceramisti che hanno aderito a questa iniziativa: Grazia Maria Ambra, Antonio Barletta, Irene Cabibbo, Ivano Agatino Carpintieri (scultore di Mascalucia), Vincenzo Forgia, Santina Grimaldi, Alessandro Iudici, Duglas Mauro, Mario Milazzo, Concetta Modica, Antonino Navanzino, Luigi Navanzino. Tra le novità di quest’anno si registra l’esposizione di importanti collezioni private tra cui quelle di Salvatore “Totò” Cardello, Vincenzo Forgia, Federico Impresario e della Bottega di Francesco Navanzino & Figli, oltre agli studenti della Vittorino da Feltre di Caltagirone.

Nella mostra è stata inserita anche una sezione dedicata alla fotografia che si richiama al tema del Giubileo, al Bicentenario della Diocesi di Caltagirone e della Santa Pasqua a cui hanno partecipato Andrea Annaloro, Mario Alberto Alberghina dell’associazione Punto Focale 2.0; Giovanni Canfailla, Aldo Gattuso dell’associazione Pentaprisma e Roberto Strano.

Un ringraziamento particolare a chi ha contribuito con spirito di collaborazione e crede nelle nostre iniziative culturali e ci sostengono con i loro contributi – ha esordito il presidente di Terra Erea, Omar Gelsomino. La numerosa affluenza di visitatori, non solo italiana ma anche straniera, ma soprattutto degli studenti, registrata anche quest’anno è un invito a continuare lungo questo solco, iniziato ormai due anni fa, della diffusione e valorizzazione delle nostre tradizioni culturali“.


Per ulteriori informazioni è possibile scrivere alla mail: ass.terraerea@gmail.com oppure consultare la pagina Facebook “Terra Erea”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

WordPress spam blocked by CleanTalk.